Qual è il segno per il museo

PROGETTO EDUCATIVO SPERIMENTALE: "QUAL Ė IL SEGNO PER IL MUSEO?"

Premessa:

Il progetto educativo "Qual è il segno per il museo?" nasce come attività sperimentale per favorire l'accesso al patrimonio museale di bambini e preadolescenti sordi e per le loro famiglie.

Ideato dal Servizio II Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, a cura di Patrizia de Socio, il progetto si avvale della partecipazione del Servizio Comunicazione Culturale della Galleria nazionale d'arte moderna di Roma, diretto da Matilde Amaturo, per tutti gli aspetti relativi alle attività da svolgere nella Galleria.

Obiettivi:

  • Dare inizio nel bambino ad un percorso di crescita e di emozioni attraverso l'arte
  • Aumentare le capacità di osservazione del singolo    
  • Conoscere il  patrimonio culturale del proprio Paese e della propria città
  • Aiutare lo sviluppo delle abilità artistiche del bambino
  • Favorire la comunicazione interpersonale attraverso l'arte 
  • Dare al bambino gli strumenti per esprimersi parlando-segnando di arte

Destinatari:

Il progetto è rivolto agli allievi delle scuole  materne, elementari  e medie facenti parte di Istituti Statali di Istruzione Specializzata per Sordi e alle loro famiglie.

Attività:

  • Incontro introduttivo presso la scuola con gli operatori del museo
  • Visite guidate nelle sale della Galleria nazionale d'arte moderna con gli operatori del museo, secondo tre percorsi tematici rivolti a tre diverse fasce d'età:
  1. bambini delle scuole materne;
  2. alunni delle prime tre classi delle scuole elementari;
  3. alunni delle ultime due classi delle scuole elementari e delle scuole medie.
  • Attività di laboratorio da svolgere a scuola con insegnanti ed educatori
  • Visite guidate rivolte ai genitori degli alunni, condotte dagli alunni stessi sulla base dei percorsi   sperimentati.

Tempi:

Le attività si svolgono tra i mesi di marzo e maggio 2010, alternando vari momenti di lavoro a scuola e nella sede museale. Alcune visite al museo si svolgono in concomitanza con la Settimana della cultura 2010.

Spazi:

Le attività che interessano la Galleria nazionale d'arte moderna si svolgono nei settori del I e del II Ottocento e nel settore del I Novecento.

Strumenti didattici:

Il Servizio Comunicazione Culturale della Galleria nazionale d'arte moderna di Roma ha predisposto diversi strumenti di supporto didattico per gli alunni e gli insegnanti:

  • Una presentazione multimediale per introdurre gli alunni alla conoscenza del museo nel corso del primo incontro con gli operatori.
  • Schede didattiche ad uso degli insegnanti sulle opere presentate agli alunni, organizzate secondo i percorsi museali effettuati.
  • Materiali fotografici da utilizzare durante le attività.

Gruppo di progetto:

  • Patrizia de Socio, Servizio II Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
  • Matilde Amaturo, Responsabile Servizio Comunicazione Culturale della Galleria nazionale d'arte moderna
  • Giorgia Corso, Serena Silvestrini, Sara Pizzi, Gaia Gambacorta, Carmela Rinaldi operatori Gnam

Scuole partner:

Materna Statale Tommaso Silvestri 173° Circolo Didattico  

Elementare  Statale Tommaso Silvestri 173° Circolo Didattico,

Media Statale "SEVERINO FABRIANI" Via Don Carlo Gnocchi,70 (Boccea) - Roma

 I PERCORSI:

"Animali da favola" - per le scuole materne

"Quante favole antiche nell'arte moderna!" - per le scuole elementari

"Tutti i volti del museo (o quasi)" - per le scuole medie