La memoria del bello

Galleria nazionaled'arte moderna

 

Obiettivo primario del progetto, ideato dalla Galleria nazionale d'arte moderna in collaborazione con l'Università Cattolica del Sacro Cuore, Dipartimento di Scienze Geriatriche, Gerontologiche e Fisatriche, Centro di Medicina dell'Invecchiamento del Policlinico A. Gemelli, è quello di valutare sia l'impatto di un intervento terapeutico non farmacologico sui sintomi cognitivi e psico-comportamentali basato sulla visione di opere d'arte in un contesto museale, sia il livello di soddisfazione o di stress di pazienti e caregivers.Sono stati infatti rilevati effetti positivi sui pazienti con particolari turbe dell'umore e con difficoltà all'interazione sociale, attraverso la stimolazione e il contatto diretto con l'opera, sollecitando lo scambio di idee e il ricordo del proprio vissuto con l'osservazione dei soggetti rappresentati.

La memoria del bello è articolato in due momenti: un percorso di visite guidate in setting museale rivolte a due gruppi di pazienti accompagnati dai caregivers; un secondo momento di valutazione dei dati da effettuarsi presso la struttura ospedaliera del Policlinico A. Gemelli. 

 

Comunicato stampa