XIV Settimana della Cultura - 14/22 aprile 2012

XIV settimana della cultura_logo

 

In occasione della XIIV edizione della Settimana della Cultura, dal 14 al 22 aprile 2012, la Galleria nazionale d'arte moderna ha predisposto una serie di eventi.

 

 

Di seguito il calendario:

 

16 aprile alle ore 16.00 - Giornata di studio "Conversazioni sul museo"

La Galleria nazionale d'arte moderna propone un pomeriggio di approfondimenti sul tema del museo a partire dall'analisi di quattro recenti pubblicazioni : Museo e identità sociale di Marina d'Amato,  Semiotica dei nuovi musei di Isabella Pezzini,  L'architettura dei musei di Alessandra Criconia e Educare al patrimonio in chiave interculturale. Guida per educatori museali a cura di Simona Bodo e Silvia Mascheroni.

Gli autori, sollecitati da altrettanti esperti della materia, analizzeranno alcune tra le questioni cruciali della museologia contemporanea.

Stefano Mastandrea  dialogherà con Marina D'Amato sulla modalità di fruizione del patrimonio culturale da parte del pubblico, Franciscu Sedda intervisterà Isabella Pezzini sul problema del museo a partire dallo studio dello spazio museale e delle sue articolazioni interne cercando di comprendere come la risposta del visitatore sia connessa con il contesto in cui è immerso, Daniela Fonti, invece, discuterà con Alessandra Criconia sull'evoluzione delle forme architettoniche del museo, sulle relazioni che intercorrono tra contenitore e contenuto e sul ruolo che questi edifici ricoprono nel contesto urbano e sociale odierno, Vito Lattanzi, infine, intervisterà Simona Bodo e Silvia Mascheroni  sul tema della pedagogia del patrimonio in chiave interculturale. Gli interventi saranno coordinati da Maria Vittoria Marini Clarelli.

Comunicato stampa

 

18 aprile alle ore 18.00 -   Presentazione del volume "La Galleria nazionale d'arte moderna, cronache e storia 1911 - 2011"

Il volume, promosso dalla Soprintendente Maria Vittoria Marini Clarelli nell'ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia e i 100 anni della Galleria nazionale d'arte moderna a Valle Giulia, ripercorre l'istituzione e molti dei momenti salienti della storia della Galleria dalla fine dell'ottocento fino ai giorni nostri, attraverso diciotto saggi che offrono numerosi spunti di riflessione.

Come affermano in apertura le due curatrici dell'opera, Stefania Frezzotti e Patrizia Rosazza Ferraris, dopo la creazione del MAXXI, la Galleria "perde progressivamente quel suo rapporto privilegiato con la contemporaneità per la quale era stata creata ma guadagna una sua più precisa e solida storicizzazione: ripensare alla nostra storia ci consente di immaginare la forma del nostro futuro".

Il volume edito da Palombi Editori sarà presentato al pubblico il 18 aprile alle ore 18.00. Interverranno Caterina Bon di Valsassina, Fernando Mazzocca e Bartolomeo Pietromarchi.

Comunicato stampa

 

20 aprile alle ore 17.00Presentazione dei volumi ‘'Olga a Belgrado'' e  ‘'Mille Mariù. Vita di Irene Brin''

 

''Olga a Belgrado''

Quando nel 1941 Irene Brin raggiunse il marito ufficiale Gaspero del Corso in Jugoslavia, aveva in mente di scrivere una serie di racconti e articoli per Il Mediterraneo e di non restare più di sei mesi in quella terra povera, malandata e degradata. Eppure vi rimase tre anni. E in quell'arco di tempo, viaggiando fra Belgrado e Lubiana, conoscendo Sussak e Smarje, incontrando città distrutte, località di villeggiatura abbandonate e campagne aride, riuscì a scrivere il suo libro più bello, l'unico in grado di mostrare chi si nascondeva veramente dietro quella che sarebbe diventata la giornalista di costume più amata e contestata d'Italia.

Il libro, pubblicato nel dicembre del 1943 da Vallecchi, non ebbe vita facile e, come racconta la stessa Brin, "fu sequestrato quasi dovunque perché il titolo, Olga a Belgrado, e il contenuto sembravano troppo favorevoli ai partigiani jugoslavi". Da allora sono passati quasi settant'anni, ma il libro, oltre a offrire un ritratto inedito e sconosciuto, completamente autentico, di una delle più grandi giornaliste italiane, resta una precisa e diretta testimonianza di una guerra dimenticata come quella jugoslava.

Il 20 aprile alle ore 17.00 Franco Contorbia e Flavia Piccinni presenteranno questo coinvolgente diario di guerra, un romanzo per racconti capace di svelare con una modernità sorprendente il disagio e l'incomunicabilità che rende tragicamente simili tutti i conflitti. Interverrà Concita De Gregorio.

 

‘'Mille Mariù. Vita di Irene Brin''

Irene Brin ha scoperto, inventato, rotto gli schemi (anche linguistici e narrativi) di una società, quella italiana del Ventennio fascista, in cui la donna doveva restare nel trittico predefinito di moglie-madre e regina. Snob forse. Coraggiosa senz'altro. Affascinante con le sue inquietudini. Commerciante, sognatrice, ogni parola scritta una fotografia. La maestra del giornalismo, non solo di costume. Centinaia di articoli mai veramente catalogati e sparsi in decine di riviste che sono il diario minimo e sconosciuto del Novecento italiano.

La biografia di Irene Brin, nom de plume di Maria Vittoria Rossi che è stata anche Marlene, Mariú, Contessa Clara e decine di altri nomi e altrettanti personaggi, è un viaggio inedito e pieno di sorprese nel secolo scorso. La vediamo in Liguria ragazzina, figlia di un generale e di una viennese ebrea che le insegna cinque lingue, la sottrae dalla scuola fascista e non la ferma quando mette piede nella redazione tutta piombo e uomini de «Il Lavoro». Poi Roma, il matrimonio con Gaspero, la vita quotidiana con Leo Longanesi e il dietro le quinte della redazione di «Omnibus». Irene inviata di guerra al seguito del marito. Una vita, mille vite: il dopoguerra, la povertà, la scoperta della moda e del made in Italy. Le avanguardie artistiche che giungono da tutta Europa e dal nuovo mondo alla galleria L'Obelisco di via Sistina. Il cinema e il rapporto con Audrey Hepburn e Gregory Peck nelle pause di Vacanze romane.

Una vita che è stata un romanzo e una sfida continua affrontata sempre con ironia, presentata da Claudia Fusani il 20 aprile alle ore 17.00 presso la Gnam in occasione della XIV Settimana della Cultura. Interverrà Concita De Gregorio.

Comunicato stampa

 

Si ricorda al pubblico che l'ingresso alla Galleria sarà gratuito per tutto il periodo, dal 14 al 22 aprile 2012.