gli artisti e le opere

Oggetto n. 23, 1965

AAA img non disponibile
  • Categoria - Opera
  • Inventario - tela estroflessa e imbottita
  • Autore - Bonalumi, Agostino
  • Datazione - 1965

Descrizione breve

Pittore degli "spazi sensoriali", Bonalumi è uno dei protagonisti della scena artistica milanese degli anni Cinquanta e Sessanta. Cruciale l'incontro con Piero Manzoni, - avvenuto nel '58 nello studio di Enrico Baj - che porterà ad una comune ricerca e alla fondazione della rivista Azimut insieme a Enrico Castellani. L'artista concentra la propria attenzione sull'ambiguità della  percezione del quadro come oggetto, dando vita a superfici monocrome ed estroflesse mediante imbottitura posteriore. I rilievi così ottenuti, pure inizialmente inscritti nella geometria regolare del telaio, producono un gioco di incidenze luminose e di volumi. Le forme approssimativamente ellittiche che gonfiano la tela evidenziano la struttura plastica dell'opera in un nuovo rapporto con l'ambiente. Le relazioni tra spazi concavi e convessi, lo spessore delle imbottiture, la posizione stessa dell'osservatore rendono effetti visivi sempre diversi e instabili.

 

Vai alla ricerca