gli artisti e le opere

Giordano Bruno

Ferrari, Ettore, Giordano Bruno, 1887, inv. 8447
  • Categoria - Scultura
  • Inventario - 8447
  • Materia e tecnica - gesso
  • Autore - Ferrari, Ettore
  • Dimensioni - cm 400 x 135 x 135
  • Datazione - 1887
  • Provenienza - 1985, dono di Cesira Buttignon Ferrari Frey

Descrizione breve

Ferrari terminò nel 1887 il modello del Giordano Bruno che, fuso in bronzo, sarebbe stato eretto due anni dopo in Campo de' Fiori, dove il filoso fu arso sul rogo il 17 febbraio 1600. Monumento per eccellenza dell'anticlericalismo italiano, forte della tradizione repubblicana e garibaldina, nella lotta contro gli ‘oscurantismi' della Chiesa e per la libertà di pensiero, il Giordano Bruno fu oggetto di aspre polemiche. In un'Italia liberale e laica, il consiglio comunale di Roma era quasi del tutto in mano a correnti clericali e l'erezione del monumento fu possibile solo dopo che, nel gennaio 1888, il capo del Governo Crispi depose d'autorità Leopoldo Torlonia dalla carica di sindaco. Promotore dell'erezione del monumento fu il Comitato del Libero Pensiero, sorto a Roma nel 1876, che si rivolse sin dal 1884 a Ferrari, che si impegnò a prestare la propria opera eva individuato gratuitamente. Il primo progetto fu rifiutato dal Consiglio Comunale, in quanto Giordano Bruno era rappresentato con il braccio alzato in atto di persuadere la folla, Ferrari allora concepì una severa figura di ‘Bruno filosofo', che venne inaugurata il 9 giugno 1889. Il modello in gesso fu esposto nello stesso anno all'Exposition Universelle di Parigi e salutato dalla critica come "opera classica molto pensata e fortemente sentita".

Vai alla ricerca