gli artisti e le opere

Guerra-festa

AAA img non disponibile
  • Categoria - Arazzo
  • Inventario - 2780
  • Materia e tecnica - ritagli di panno cuciti su juta
  • Autore - Depero, Fortunato
  • Dimensioni - cm 330 x 243
  • Datazione - 1925
  • Provenienza - 1926, acquisto alla XV Biennale di Venezia

Descrizione breve

Come indicato da S. Spinazzè, l'arazzo (così detto in base alla destinazione d'uso e non alla tecnica) fu presentato per la prima volta insieme ad altri dello stesso autore nonché di Prampolini e Balla, il 22 giugno 1925 al Théatre de la Forme a Parigi dove Marinetti teneva una conferenza. All'esposizione successiva a Venezia nel settore delle arti decorative, l'opera fu acquistata dalla Galleria, il che attesta l'interesse crescente della cultura decò  per le arti applicate. I primi "arazzi" di Depero del resto erano stati realizzati nel 1917, durante il soggiorno a Capri ospite di Gilbert Clavel, ottenendo subito grande successo di mostre e di vendita. La dimensione scenografica e ludica  della creatività dell'artista trentino si esplica, meglio che in pittura, in tutte le manifestazioni che coniugano arte e vita, come del resto il titolo di quest'opera suggerisce, trovando in tal modo un'apparente consonanza con le contemporanee prime apparizioni cabarettistiche di dada.

 

Vai alla ricerca