Sofferenza

La sofferenza indica uno stato di dolore, che può essere di natura fisica o psicologica, legato ad un trauma o a un'afflizione interiore più profonda. Nel primo caso, è più facile individuare le cause che sono all'origine della patologia ed offrire un quadro diagnostico tale da consentire al paziente il recupero delle proprie funzioni e del benessere. Quando la sofferenza è legata agli stati psichici o emotivi, diventa più complessa l'individuazione dei fattori che scatenano il dolore o l'apatia. Una delle caratteristiche di chi soffre è, infatti, costituita dalla presenza di disturbi depressivi, le cui ragioni sono spesso poco evidenti allo stesso soggetto. Lo stato di sofferenza prodotto dalla depressione rende le persone affette dal "male oscuro" incapaci di esercitare pienamente le proprie attività lavorative e sociali: la malattia diventa, quindi, una causa di esclusione e di emarginazione rispetto ad un mondo di affetti che per molti versi si percepisce già lontano da sé.

Il quadro di Fattori del 1860 dedicato alla battaglia di Magenta mostra chiaramente lo stato di sofferenza psichica e fisica in cui versano gli uomini delle truppe franco-piemontesi, i quali, pur uscendo come vincitori dallo scontro armato, fanno i conti con il dolore fisico e con la rassegnazione di fronte all'idea della morte e del dolore altrui che li attende nelle prossime battaglie. La dimensione simbolica della sofferenza che emerge dal dipinto di Fattori e che trascende l'aspetto puramente corporeo dell'esperienza umana, sta ad indicare come, per i giovani che combatterono a fianco dell'alleato francese, il sacrificio per la Patria rappresentava l'accesso all'immortalità.